Nel cappella del primo reparto ospedaliero di Negrar

Domenica 13 gennaio 2019, la statua di Maria Madre del Dono è stata trasportata con la consueta grande cautela dai “Mariofori” (portatori di Maria) improvvisati. È stata un’esperienza bellissima quella vissuta per l’addio dal santuario “Maria Stella dell’Evangelizzazione” di Cerna dove era stata collocata per tutto il periodo natalizio. Scendendo a valle i colori del tramonto la toccavano fino alla Cittadella della Carità (ospedale di Negrar) per essere posizionata nella cappella del primo reparto ospedaliero, che si pregia della cura spirituale di don Gino Sacchetti. In settimana raggiungerà altri luoghi del prestigioso nosocomio, dove resterà fino a domenica 20 gennaio. Questo incontro con i malati è una tappa importante dentro al mistero del difficile percorso umano.

Facebooktwittergoogle_pluspinterestmail